tombola.it utilizza cookie per migliorare la tua fruibilità del sito. Per maggiori informazioni clicca qui. Ne accetti l’uso continuando la navigazione. Close
venerdì 9 agosto

Il significato dei numeri della Smorfia: parte VII

La storia dei numeri della Smorfia sta diventando appassionante ed è arrivata al suo settimo appuntamento. Oggi, ci dedichiamo a conoscere il significato dei numeri da 26 a 30.
Scopri subito di piú:

26: Nanninella
Questo è l’unico numero della Smorfia che non si riferisce ad un concetto astratto o ad un’immagine ma è dedicato ad un nome di battesimo: Anna.
Nanninella è un vezzeggiativo e significa “piena di Grazia”. Anna è un nome importante per la religione Cattolica e secondo la tradizione, Sant’Anna protegge le gestanti e le donne dedite ai lavori manuali e artigiani come il ricamo o la tessitura.

27: ‘o cantero
Si tratta del vaso da notte, anche detto “pitale” o “orinale”. Un tempo i bagni erano esterni alle abitazioni e per questo si teneva in camera da letto un piccolo vaso da notte da usare all’occorrenza. Potrebbe sembrare un po’ rivoltante ma sognare un “cantero” non è affatto di cattivo auspicio. Sognare di espletare i bisogni in un cantero, pronostica ottimi guadagni e successo.

28: 'e zizze
I seni rappresentano la figura femminile ed hanno uno stretto legame con la maternità e l’allattamento. Sognare un seno ha diversi significati ed indica emozioni come dolcezza, protezione, bellezza, fecondità. Sognare un seno che allatta potrebbe indicare il desiderio di diventare madre o al contrario, di non riuscire ad accettarsi fisicamente.

29:  ‘o pate d’e’ ccriature
Con un proverbiale giro di parole, simbolismo e fantasia, il numero 29, “il padre dei bambini”, altro non è che l’organo riproduttivo maschile.
Sognarlo potrebbe indicare che si sta facendo un bilancio delle proprie potenzialità, non sentendosi all’altezza in campo sociale o sessuale.


30: ‘e ppalle d’o Tenente

Il numero 30 affiancato al 29, completa l’anatomia maschile. Forse la scelta di un “tenente” è stata fatta per riferirsi ad un uomo stanco e un po’ frustrato dalla vita che conduce oppure, data la forma circolare, perchè ricordano le palle di un cannone. La rima trenta/tenente poi, è presto fatta e facilmente memorizzabile.

 

 

 

Consulta la parte I cliccando qui

Consulta la parte II cliccando qui

Consulta la parte III cliccando qui

Consulta la parte IV cliccando qui

Consulta la parte V cliccando qui

Consulta la parte VI cliccando qui