tombola.it utilizza cookie per migliorare la tua fruibilità del sito. Per maggiori informazioni clicca qui. Ne accetti l’uso continuando la navigazione. Close
mercoledì 18 marzo 18:00

Festa del papà e zeppole: la nostra ricetta

Festa del papà e zeppole: oggi vogliamo raccontarvi la storia del dolce tipico della Festa di San Giuseppe, accompagnata dalla gustosissima ricetta. Grembiuli allacciati e cominciamo.

La storia delle zeppole ha radici molto antiche e di diverse credenze; la prima, Cristiana, risale ai tempi della fuga in Egitto. A quell’epoca il lavoro di falegname non era sufficiente per sostenere la famiglia di Gesù e per questo motivo San Giuseppe iniziò a lavorare come friggitore di frittelle, le prime “zeppole” appunto. Una seconda leggenda invece ci fa viaggiare verso la Capitale Roma e alla celebrazione delle “Liberalia”, feste pagane in onore di Bacco e Sileno, dove fra vino ed altre leccornie si gustavano delle frittelle cotte nello strutto.

Qualunque sia stato il primo passo di questo dolce del 19 marzo, vogliamo proporvi ora la ricetta, per prepararle in casa con i vostri cari. Ecco gli ingredienti per preparare 6 grosse zeppole fritte:

Impasto choux:

  • 3 uova di media grandezza
  • 1 tuorlo
  • 55 g. di burro e circa 250 ml di acqua
  • 150 g di Farina del tipo 00
  • Sale qb

Continua a leggere...

Crema pasticcera:

  • 2 tuorli
  • 22,5 g. di amido di mais
  • Mezzo baccello di vaniglia
  • 70 g di zucchero e all’incirca latte per 200 ml
  • 6 amarene del tipo sciroppato
  • Olio di semi di arachidi e zucchero qb

La prima fase è la preparazione della crema. Prendete un pentolino e portate a bollore il latte insieme alla bacca di vaniglia. Intanto in una ciotola sbattete i tuorli, aggiungendo lo zucchero e l’amido di mais e mescolate. A questo punto - dopo aver estratto la bacca di vaniglia - aggiungete un po’ di latte nella ciotola che avrete preparato e mescolate il composto prima di unire nuovamente al pentolino con il latte.
È arrivato il momento di usare la frusta! Accendete il fuoco basso e mescolate continuamente. In una decina di minuti, con un po`di pazienza e “olio di gomito”, dovreste ottenere una crema densa e liscia. Una volta pronta riponete la crema in una ciotolina bassa e coprire con pellicola alimentare a contatto. Lasciate raffreddare a temperatura ambiente e poi in frigo. Una volta raffreddata, potrete trasferirla in una sac-à-poche usa e getta con bocchetta a stella.

Passiamo ora alla pasta choux. Prendete un tegame e versateci acqua, burro a pezzettini e un pizzico di sale. Accendete a fuoco medio e mescolate così da far sciogliere lentamente il burro. Una volta arrivati a ebollizione versate la farina come da ricetta e continuate a mescolare fino a che il composto non si stacca dalle pareti del tegame. Raggiunto il risultato spegnete tutto e versate in una ciotola allargandolo leggermente in modo che possa raffreddarsi velocemente.

Nel mentre che avviene questo processo sbattete le 3 uova con i tuorli. Ottenuto il composto versatelo a poco a poco nella ciotola, mescolando il tutto. Inizialmente noterete come non sarà operazione semplice ma non demordete e avrete alla fine un bel composto da versare nella sac-a-poche. A questo punto preparate un tegame con dell’olio di semi di arachide e scaldatelo facendo attenzione a non salire sopra i 165 gradi. Prendete ora un foglio di carta da forno e ritagliate 6 quadratini. Su ciascuno porzionate l’impasto con la sac-a-poche immaginando di disegnare due cerchi sovrapposti, facendo attenzione che la ciambellina non superi i 5-7 cm di diametro. Quando l’olio è ben caldo mettete ciascuna zeppola nell’olio (tenete sempre la carta da forno dall’alto per evitare di bruciarvi) e lasciare friggere per alcuni minuti senza girarle. Fatta questa prima operazione, girate e procedete a capovolgerle (3 minuti per parte idealmente). Dopo averle scolate ponetele su un vassoio, facendo attenzione che ci sia sotto della carta assorbente in modo che rilascino l’olio in eccesso.

Ci siamo quasi! Tagliate le amarene in due pezzi e tenetele pronte per la decorazione. Spolverizzate le zeppole con lo zucchero a velo, poi aggiungete un ciuffo di crema pasticcera all'interno, adagiate le amarene e spolverizzate ancora a piacere con zucchero a velo. Ricordate di consumare il tutto appena cotte, le gusterete al massimo del loro splendore!

Una bella idea per assaggiarle potrebbe essere quella di abbinarle, per rimanere sempre sotto il Vesuvio come da tradizione, ad una bella partita a tombola e bingo online, riempiendo mano a mano le cartelle e festeggiando magari un bel jackpot in compagnia di una zeppola fritta! Buon appetito