tombola.it utilizza cookie per migliorare la tua fruibilità del sito. Per maggiori informazioni clicca qui. Ne accetti l’uso continuando la navigazione. Close
venerdì 9 agosto

Le origini dei numeri della Smorfia: una storia davvero appassionante!

La storia dei numeri della Smorfia sta diventando appassionante ed è arrivata al suo settimo appuntamento. Oggi, ci dedichiamo a conoscere il significato dei numeri da 26 a 30.
Scopri subito di piú:

26: Nanninella
Questo è l’unico numero della Smorfia che non si riferisce ad un concetto astratto o ad un’immagine ma è dedicato ad un nome di battesimo: Anna.
Nanninella è un vezzeggiativo e significa “piena di Grazia”. Anna è un nome importante per la religione Cattolica e secondo la tradizione, Sant’Anna protegge le gestanti e le donne dedite ai lavori manuali e artigiani come il ricamo o la tessitura.

27: ‘o cantero
Si tratta del vaso da notte, anche detto “pitale” o “orinale”. Un tempo i bagni erano esterni alle abitazioni e per questo si teneva in camera da letto un piccolo vaso da notte da usare all’occorrenza. Potrebbe sembrare un po’ rivoltante ma sognare un “cantero” non è affatto di cattivo auspicio. Sognare di espletare i bisogni in un cantero, pronostica ottimi guadagni e successo.

28: 'e zizze
I seni rappresentano la figura femminile ed hanno uno stretto legame con la maternità e l’allattamento. Sognare un seno ha diversi significati ed indica emozioni come dolcezza, protezione, bellezza, fecondità. Sognare un seno che allatta potrebbe indicare il desiderio di diventare madre o al contrario, di non riuscire ad accettarsi fisicamente.

29:  ‘o pate d’e’ ccriature
Con un proverbiale giro di parole, simbolismo e fantasia, il numero 29, “il padre dei bambini”, altro non è che l’organo riproduttivo maschile.
Sognarlo potrebbe indicare che si sta facendo un bilancio delle proprie potenzialità, non sentendosi all’altezza in campo sociale o sessuale.


30: ‘e ppalle d’o Tenente

Il numero 30 affiancato al 29, completa l’anatomia maschile. Forse la scelta di un “tenente” è stata fatta per riferirsi ad un uomo stanco e un po’ frustrato dalla vita che conduce oppure, data la forma circolare, perchè ricordano le palle di un cannone. La rima trenta/tenente poi, è presto fatta e facilmente memorizzabile.

Articoli collegati:

Consulta la parte I

Consulta la parte II

Consulta la parte III

Consulta la parte IV

Consulta la parte V

Consulta la parte VI

Consulta la parte VII

Consulta la parte VIII

Consulta la parte IX

Consulta la parte X

Consulta la parte XI

Consulta la parte XII

Consulta la parte XIII

Consulta la parte XIV

Consulta la parte XV

Consulta la parte XVI

Consulta la parte XVII

Consulta la parte XVIII

Consulta la parte XIX